maldestro tentativo di conforto all’universo femminile che passeggia incerto in una Rimini di inizio autunno insolitamente calda

signorina mora e un po’ bassina con gli occhiali che pensi di non piacere e che nessuno dei tuoi amici ti guardi perché sei mora e un po’ bassina e hai gli occhiali, tu non te ne accorgi ma quel tipo in fondo al gruppo che sta sempre un po’ in disparte, credi, ti mangia con gli occhi.

ragazza dal bel seno che stai sempre un po’ curva e non si capisce se è per proteggerlo o per nasconderlo: ti capiamo, ma guardare non è toccare, e nascondere non è far sparire.

signorina esuberante nei modi e nel vestire che sei il centro della vita del gruppo perché anche esporsi è un modo di nascondersi: non c’è bisogno di fare tutta quella fatica.

ragazzina che indossa sempre un principio di broncio e un leggero corrugamento della fronte e cammina sempre a qualche centimetro di distanza in più e si irrigidisce per un secondo quando la toccano: rilassati, non ti vogliamo fare del male.

ragazza più alta della media, non hai niente che non va: quando gli altri ti guardano non è perché sei più alta della media.

ragazzina con i cargo pants e il giubbotto oversize che nascondono il tuo corpo agli sguardi del mondo, sei vittima di un malinteso: tu vorresti essere diversa ma sappi che quando piaci, piaci come sei, non come vorresti essere.

e anche tu, giovane donna che nascondi il tuo corpo in troppi vestiti, come farai quando dovrai scoprirlo?

signorina un po’ sovrappeso che stai in disparte per non essere al centro dell’attenzione, forse è stare in disparte che ti fa sentire in disparte, non il tuo aspetto fisico.

ragazzina che compri la t-shirt di Forever Alone come profezia che si autoavvera: non si autoavvererà.

ragazza che hai passato due ore a scegliere i vestiti e prepararti per essere al massimo, hai dimenticato di indossare un sorriso.

ragazzina che ti ricopri di tatuaggi e piercing, fai bene se ti piacciono, e sai che ci piacciono, ma ricordati che inchiostro e metallo non possono difenderti dal mondo.

giovane donna che fai di tutto per nascondere il primo accenno di rughe, credi veramente che siano quelle che vediamo, quando ti guardiamo?

ragazza che non mette gli shorts per non mostrare un accenno di cellulite, le tue gambe sono molto più belle di quanto tu pensi che la cellulite possa imbruttirle.

giovane donna che pensa di avere dei brutti piedi e li nasconde, guarda che tu non ti intendi di piedi.

 

untitled, by Leanne Surfleet

2 commenti su “maldestro tentativo di conforto all’universo femminile che passeggia incerto in una Rimini di inizio autunno insolitamente calda”

  1. bellissimo. purtroppo sono piu di una delle donne che citi… vorrei tanto avere un mondo attorno che la pensasse cosi =)

  2. eh ma il punto è proprio che non importa come la pensa il mondo attorno, importa come la pensi tu e quanto riesci a non curarti del mondo attorno ;)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.