☳ Polpette 73

una newsletter che se la canta, se la suona e se la tira

la newsletter arriva tutte le domeniche pomeriggio nella tua mail: registrati a vanz.substack.com

il kufta (anche kofta o kofte, dall’arabo كفتة, in Urdu کوفتہ) è una polpetta speziata e cotta nel sugo. di solito è di agnello, a volte suino o vitello tritati e mescolati con riso, bulgur, verdure o uova. può anche essere vegetariana, come nel caso delle polpette della settimana courtesy of Dassana.


questa è ⓟolpette — la vanzletter n°73

इससप्ताहमीटबॉलहैं

ecco le polpette di questa settimana” è scritto in hindi, che insieme all’inglese è la lingua ufficiale della Repubblica dell’India. oltre all’hindi, ci sono altre 21 lingue più o meno autoctone, tra cui bengalese, nepalese, punjabi, sanscrito, tamil e urdu, in pratica ogni stato (l’India è una federazione) ha la sua.

l’India è ai ferri corti con la Cina in più di un teatro: del Tibet abbiamo parlato, ma c’è una disputa anche su un canale che la Cina si appresta a costruire nell’istmo thailandese di Kra, nel contesto della Nuova Via della Seta (“Belt and Road”, più precisamente). la Thailandia è favorevole, l’India no.

l’istmo di Kra collega il Mar Cinese meridionale all’Oceano Indiano

➡️  le mie wishlist di Amazon sono qui (https://www.amazon.it/hz/wishlist/ls/2YP3OAHZ8222K), se cerchi ispirazione per qualche acquisto 🛍️ 

(a scanso di equivoci: questo non è una sponsorizzazione: non ci guadagno un euro)


segue la tua razione settimanale di polpette, come da disposizioni vigenti della Protezione Civile:

– leggere quotidiani ed ebook gratis e legalmente
– l’obesità accentua la mortalità (anche per Covid-19)
– Trump vince? Trump perde? come seguire i sondaggi 
– cos’è il mansplaining, perché lo facciamo, perché dovremmo smettere
transgender: come parlare e scriverne correttamente
– il microtuning diagnostico continuo migliorerà le nostre vite?
– l’auto ibrida ha emissioni molto più alte di quanto si pensi
– anche i comportamenti individuali servono per l’ambiente
– l’aumento delle dimensioni delle auto
– come ragionare (per quanto possibile) con i complottisti
– togliere la propria casa da Google Street View (e perché)
– secondo le Marche hanno un brillante futuro turistico
– l’artista digitale: Marc Tudisco
– le migliori VPN per Punto informatico
– prodottino della settimana: il picchiamuri automatico antivicini
– l’album jazz: Donald Byrd


leggere quotidiani ed ebook gratis e legalmente
un sacco di gente sta a impazzire con Telegram per leggere ebook e quotidiani agratis, ma c’è un modo molto più semplice e persino legale: un sacco di bibilioteche italiane aderiscono a MLOL, piattaforma online che permette, con user e pw, di leggere su Pressreader i principali quotidiani italiani ed esteri, anche quelli sotto paywall

la piattaforma è a https://medialibrary.it
cerca le biblioteche della tua città qui.

l’obesità accentua la mortalità (anche per Covid-19)
non è una novità: sappiamo che l’obesità è una delle condizioni che aumentano la probabilità di decesso (per esempio un BMI di 32 o superiore raddoppia la probabilità di morte nelle donne sull’arco di 16 anni).

secondo uno studio recente, il 77% dei 17.000 ricoverati per Covid negli USA erano sovrappeso o obesi (il che, va detto, è una condizione piuttosto diffusa negli USA).


Trump vince? Trump perde? come seguire i sondaggi

c’è la convinzione diffusa che “nel 2016 i sondaggi hanno sbagliato”, ma come fa notare Francesco Costa nel suo podcast, che è il momento di ascoltare, (https://www.dacostaacosta.net/2020/05/30/11-questi-maledetti-sondaggi/), i sondaggi ci hanno anche azzeccato, sul piano nazionale, ma nessuno è in grado di prevedere l’effetto a livello di singolo Stato del voto, che dipende da una serie di variabili impazzite come i collegi elettorali e che è quello che determina la vittoria o sconfitta finale.

in breve: non credete a chi vi dice che sa chi vincerà. però come puro esercizio di curiosità statistica, ci sono due siti che danno l’andamento della MEDIA dei sondaggi: FiveThirtyEight da seguire qui e qui e Real Clear Politics

cos’è il mansplaining, perché tutti noi maschi lo facciamo, perché dovremmo smettere

i maschi lo fanno tutti? sì. dovremmo smettere? sì. lo facciamo per cattiveria? nì: lo facciamo come pratica (inconscia, si spera) della nozione culturale implicita per cui le donne sono meno competenti degli uomini e che poiché il mondo è governato dalla Conoscenza del Maschio, la donna ha bisogno che il Mondo le sia spiegato dal Maschio.

detto così dubito che qualcuno possa rivendicarlo, eppure lo facciamo lo stesso. io lo faccio lo stesso, tu lo fai lo stesso. ed è difficilissimo smettere di farlo. (bonus points se la spiegazione è fatta in modo condiscendente, troppo semplificato o troppo sicuro di sé)

poi ci sono i mansplainer anche con i maschi, che io chiamo i Mappatori del Mondo. (io in questa newsletter, per esempio).


(nota di interesse: mansplaining è un portmanteau, ovvero un neologismo sincratico, un composto aplologico o una parola macedonia)

Transgender: come parlare e scriverne correttamente

in verità non è affatto complicato: verbi e aggettivi vanno declinati in base al genere che la persona ha scelto o verso cui sta transizionando e non a quello in cui è (sarebbe) nata. un uomo che è diventato donna o vuole diventare donna è una donna, e viceversa. fine.

se non mi credi, qui Wired e il Post fanno la spiega, in italiano.

puoi non essere d’accordo, ma ricorda che se non sei d’accordo il problema è tuo e non della Società.

microtuning diagnostico e analisi continue miglioreranno le nostre vite

questa è una roba tosta da spiegare e chi avesse risorse ulteriori mi farebbe un servizio a segnalarmele. parte da un tweet di Sundeep Peechu di Felicis venture, che dice 

in pratica, se capisco bene, la frontiera dalla Salute Pubblica sta in un continuo monitoraggio, idealmente in tempo reale, dei dati fisiologici di ciascuno di noi (analisi del sangue e delle urine, pressione, battito, elsttrocardiogramma, ossigenazione, scansioni varie, tutto quello che si può misurare facilmente). questo processo consentirebbe di prevenire molte malattie prima che se ne verifichino i sintomi. però sul microtuning trovo pochissimo in Rete, tanto da dubitare che sia il nome corretto. 

i misuratori personali indossabili (smartwatch e altri wearable) potrebbero avere un ruolo importante in questo processo.

l’auto ibrida ha emissioni molto più alte di quanto si pensi

i produttori di auto ibride sostengono che i loro modelli abbiano emissioni molto più basse di quelle che sono in realtà e qui, niente di nuovo visto che lo fanno anche con i motori termici.

il punto è: l’ibrida è una gran comodità ma non è una soluzione. l’unica soluzione per la riduzione di emissioni è l’auto elettrica POSTO che l’elettricità di cui si nutre sia prodotta in modo rinnovabile. e che le batterie siano prodotte/riciclate/smaltite in modo sostenibile, che è un altro problema.

però quella di un’auto elettrica è una scelta che ha un impatto reale sull’ambiente, così come installare i pannelli solari o usare un fornitore di energie SOLO rinnovabili (va letto l’energy mix sul sito del produttore).
(io uso ènostra)

anche i comportamenti individuali servono per l’ambiente

c’è la nozione diffusa che solo la politica e l’industria possano effettuare azioni significative verso l’inversione del climate change. è un punto di vista diffuso, e che ci piace molto perché ci assolve dal dover compiere azioni nel nostro quotidiano. 

non è così, lo spiega qui il Post.

l’aumento delle dimensioni delle auto

nel corso dei decenni (ma soprattutto recentemente, col successo commerciale dei SUV), le dimensioni medie dell’automobile sono costantemente aumentate, e ora ci troviamo a guidare auto tropo grandi per noi, che uccidono di più, e sovradimensionate rispetto alle nostre strade. e che potrebbero consumare quindi inquinare meno.

come ragionare (per quanto possibile) con i complottisti

questo è un tema che richiede maggiore analisi che mi riprometto di fare, per adesso questo pezzo del NYT su come ragionare con i complottisti di Qanon (anche in famiglia) mette giù 3 punti importanti, che valgono anche per gli antivaxx e i complottisti nostrani:

1.
parla sempre privatamente con la persona e chiedile di spiegarti meglio quello in cui crede, senza dibetterlo. dimostrale genuino interesse e apertura mentale.

2.
esprimi empatia. riconosci che riesci a capire perché una persona possa avere dei dubbi su quello di cui ti sta parlando (politica, vaccini, ecc). sii sempre rispettoso e gentile, mai conflittuale o sarcastico.

3. 
invece di polemizzare, presenta fatti (con le fonti) che contraddicono quello che la persona sostiene. cerca di sottolineare l’incoerenza o la mancanza di logica delle sue affermazioni attraverso domande apparentemente sincere (se i governi avessero il vaccino per il COVID, che ragione avrebbero di subire un tracollo economico di questa portata? se lo avessero i privati, perché dovrebbero rinunciare al fatturato che genererebbe?)

su reddit c’è un gruppo di autoaiuto per parenti e amici di complottisti Q che si chiama QAnonCasualties e ha risorse utili.

4.
se quanto sopra è impossibile, fai comunque capire alla persona che non la giudichi e che le vuoi bene anche se non siete d’accordo, per non alimentarne il vittimismo o la conflittualità

togliere la propria casa da Google Street View (e perché)

c’è una procedura semplice e rapida che consente di far rimuovere le immagini della propria casa da Street View. le ragioni per farlo possono essere diverse (dissidenti, vittime di violenza in famiglia, spacci droga in casa, ecc) ma è utile sapere che si può fare facilmente: basta andare sull’immagine in Street view, cliccare “Segnala un problema” in basso a destra, inquadrare la casa nel rettangolo e scegliere la voce giusta tra “Un volto, La mia casa, La mia auto/una targa di automobile, Un oggetto diverso”.

secondo Lonely Planet le Marche hanno un brillante futuro turistico, e anche secondo me

lo speciale Marche di Lonely Planet con una guida in pdf tutta da leggere. secondo me il turismo nelle Marche crescerà un bel po’ nei prossimi anni perché sono una regione sottovalutata. le Marfche da ieri sono guidare da un governatore di Fratelli d’Italia ma non si può avere tutto, in una regione.

l’artista digitale: Marc Tudisco

il solito mix di fisica impossibile, texture inesistenti, materiali bizzarri, movimenti assurdi che rende l’animation art digitale 3D così curiosa e repellente al tempo stesso.

qui su Instagram
qui il portfolio

le migliori VPN per Punto informatico

Punto Informatico è uno storico magazine online italiano. si occupa di tecnologie dal 1996 con particolare attenzione all’Interwebs e ha dunque tutte le carte in regola per consigliarti una VPN, se stessi pensando di usarne una (per sicurezza, per privacy, per i contenuti esteri, per quelchetepare). 

l’unico rischio è che si tratti di una potenziale marchetta, cioè una sponsorizzazione non dichiarata, ma PI è una testata seria e queste cose non le fa, giusto? purtroppo manca l’informazione più utile per la privacy, cioè a quale legislazione fa riferimento il paese in cui è situata la sede della VPN (che determina sde la società sia tenuta legalmente o meno a dare i tuoi dati di navigazione al tuo governo senza dirtelo).

prodottino della settimana: il picchiamuri automatico antivicini

il device che picchia automaticamente contro il muro dei vicini (a fianco o sopra) è al limite col cinema comico ed è socialmente deplorevole, quindi non te lo consiglio davvero per gli acquisti.

Supporto Telefono Bicicletta

ho trovato invece pratico, robusto e bello questo supporto per smartphone da bicicletta, che ti consiglio sì. certo è così bello che c’è il rischio che qualcuno che passa con una brugola in tasca sia tentato. orientabile a 360°.

l’album jazz: Donald Byrd

Donaldson Toussaint L’Ouverture Byrd II era un sessionman nato col bebop che negli anni 60 e 70 fece interessante sperimentazione funk e soul. a questo Black Byrd del 1973 sono sentimentalmente legato anche solo per la prima track, ipnotica ed aeronautica


Il paese dell’alcol di Mo Yan.
nel paese di Jiuguo l’alcol, in tutte le sue forme, è lavoro, missione e scopo di vita: c’è addirittura un’Università dell’alcol e un festival in cui si consuma l’apprezzatissimo liquore di scimmia. Ma oltre alla distillazione, nel corso del romanzo si scoprono mille altre cose: come si catturano i nidi di rondine, come si cucinano piatti raffinati composti con organi sessuali di scimmia, come si prepara un bambino per essere cucinato.

l’ispettore di polizia di Pechino Ding Gouer, mandato a indagare su una misteriosa setta di mangiatori di bambini, scopre l’ossessione per i cibi raffinati ed esotici nella Cina profonda, le inconfessabili tradizioni locali, è coinvolto in sbronze colossali, esperienze extracorporee, incontra presenze e spiriti maligni, personaggi inquietanti e folli a cavallo tra realtà, leggenda e visioni da doposbornia. camioniste erotiche che potrebbero stare in un Russ Meyer, piccoli demoni rossi che diventano pifferai magici, asini spiritici che percorrono le strade nelle notti di luna piena.

un’opera a mosaico che al mio (grezzo) orecchio ha echi di Garcia Màrquez, Montalban, un tocco noir tra Chandler e Bukowski e il sapore di quei polizieschi sudamericani con antieroi perdenti tipo Soriano, Taibo, quel mood triste solitario y finàl lì. ma probabilmente stretcho l’analogia (pensa che mi ha persino ricordato il Maestro e Margherita, ma non lo dico perché BUM).

in ogni caso, un romanzo sbronzo: pirotecnico, caotico, inconcluso quanto inconoscibile è il paese che racconta, con momenti di follia e immaginifici, una carrellata vitale di situazioni e sottotrame, intessuta da una corrispondenza tra scrittori che ingloba un racconto autoconcluso in ogni capitolo.

Mo Yan ha ricevuto il Nobel per la letteratura nel 2012 ed è l’autore di Sorgo rosso, storia di una famiglia cinese portata al cinema da Zhāng Yìmóu.

inoltre, Atlas Obscura 2 costa 2€ in ebook


immagine della testata disegnata da olllikeballoon

la scrittura di questa newsletter avviene abitualmente in modalità carbon-free, con il 100% di energia rinnovabile e socialmente sostenibile fornita da ènostra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.